Stampa questa pagina

Un messaggio di speranza per le acque dei parchi piemontesi

Nonostante si gridi all'allarme inquinamento delle acque, i campionamenti effettuati in Piemonte nell'anno 2015 per l'individuazione delle zone utilizzabili e non utilizzabili a fini balneari sono rassicuranti e non solo: due delle località del Parco naturale del Lago Maggiore sono state insignite della Bandiera Blu.

  • Ilaria Cavalet-Giorsa
  • Maggio 2016
  • Lunedì, 23 Maggio 2016
Parco naturale Ticino e Lago Maggiore D. Vassura Parco naturale Ticino e Lago Maggiore D. Vassura

L'allarme acque inquinate sembra denunciare un pericolo in continua crescita e il quadro che si delinea dai dati pubblicati dall'Ispra è tutt'altro che tranquillizzante. Non solo il 64% dei punti monitorati è contaminato da pesticidi, ma negli ultimi dieci anni si è assistito a un peggioramento pari al 10% nelle acque superficiali e al 10% in quelle sotterranee. Inoltre, bisogna considerare che i pesticidi costituiscono solo uno tra i numerosi inquinanti dell'acqua che sta diventando, anche nella nostra realtà, una risorsa sempre più rara e preziosa.

Alla luce di queste considerazioni stupiscono i dati risultati dai campionamenti effettuati in Piemonte nell'anno 2015 per l'individuazione delle zone utilizzabili e non utilizzabili ai fini balneari per l'anno 2016. Se si prendono in considerazione i territori delle Aree protette piemontesi si può constatare come le zone ritenute non balneabili siano risultate assai rare: sulle 32 aree del Parco naturale Ticino e Lago Maggiore, il Parco naturale più rappresentativo da questo punto di vista, solo 2 delle 32 zone prese in considerazioni non sono state ritenute adatte alla balneabilità.

Non solo: tra i 152 comuni insigniti della Bandiera Blu 2016 della Foundation for Environment Education sono presenti due località del Lago Maggiore, Cannobio e Cannero Riviera. Tale riconoscimento internazione intende premiare i territori in cui la qualità delle acque, dei servizi offerti e una corretta gestione del territorio risulta degna di considerazione. Il sindaco di Cannobio Giandomenico Alberella ha commentato con queste parole l'accaduto: "Un risultato che premia i nostri sforzi e che è un ulteriore incentivo per continuare a lavorare verso un turismo sempre più sostenibile in cui la qualità dei servizi si accompagnala rispetto dell'Ambiente". Un messaggio che fa ben sperare per il futuro e invita all'interesse nei confronti di un ambiente troppo spesso trascurato.

Potrebbe interessarti anche...

La crisi indotta dalla pandemia ha colpito duramente il turismo montano, in particolare l'industr ...
Le città del Piemonte sono più sostenibili che in passato e anche la qualità delle acque dei f ...
Un gruppo di abitanti e appassionati delle montagne della Val Varaita sta promuovendo la riscoper ...
La Direttiva Biodiversità 2021 impone alle Aree protette nazionali di incrementare le azioni di ...