Stampa questa pagina

Riserva Vauda

Lunedì, 15 Aprile 2019
Riserva Vauda

Carta d'Identità Gastronomica

Negli ultimi anni si è sviluppata nei terreni marginali della Vauda una interessante produzione di "nocciole Piemonte". Tutti gli anni nei primi giorni d'agosto a Vauda e Rocca C.se si tiene la Sagra della Pesca ripiena, frutto coltivato nei comuni limitrofi del Canavese. Fra le specialità locali ci sono il fricandò, uno spezzatino di frattaglie con cipolle, vino rosso e polenta, le ferse, polpettine di frattaglie unite con aromi e polvere di grissini, i preive o quajette, cotenne di maiale arrotolate aromatizzate e ben legate, i baudin, sanguinacci ammorbiditi con latte e insaporiti con le spezie, le cipolle ripiene dal sapore di uva sultanina, il salame di turgia con lardo, sale e pepe.
Gli ortaggi rappresentano gli ingredienti base sia nella "zuppa di cavoli" che è forse il piatto più caratteristico (il pane viene imbevuto di un gustoso brodo di salame), sia nei "caponet", foglie di cavolo, oppure coste, ripiene di un impasto di salsiccia o salame, di arrosto tritato, di erbe aromatiche, e cotte al forno con abbondante burro.
Ricordiamo ancora le frittate, particolarmente gustosa quella di "nodi", fatta di uova e pezzetti di salame, e quella con uova e cipolle a fette, tutte e due cotte in olio e burro, e i "tomini", freschi o irrobustiti in un bagno d'olio e peperoncino.

produttori aderenti a #parchidagustare