Stampa questa pagina

Parco Gran Bosco di Salbertrand

Lunedì, 15 Aprile 2019
Parco Gran Bosco di Salbertrand

Carta d'Identità Gastronomica

In questo comprensorio turistico tra i più attrezzati del Piemonte soprattutto per lo sci, sopravvivono vaste distese di conifere, una ricca fauna selvatica e testimonianze dell'antica civiltà alpina. Nei pascoli del Gran Bosco si mantengono le pratiche dell'alpeggio e della caseificazione tradizionale. Con l'intento di promuovere e valorizzare le produzioni, per alcuni formaggi prodotti all'interno delle aree naturali protette dell'Ente di gestione Alpi Cozie si è creato il marchio "formaggio tipico delle Alpi Cozie". Interessanti prospettive sono state aperte per il rilancio della coltivazione di varietà tradizionali di patata. Il Parco del Gran Bosco è socio fondatore dell'Associazione Produttori della patata di montagna della Provincia di Torino e in collaborazione con la scuola Malva Arnaldi di Bibiana, ha avviato una sperimentazione per la produzione di patate da seme in alta quota per le antiche varietà Ratte, Piatlina e Vitelotte noire.

 

Prodotto Bandiera

La patata piatlina

Antica varietà autoctona delle vallate Occitane del Piemonte, era la varietà tradizionalmente coltivata prima dell'importazione di nuovi ibridi. è stata recentemente recuperata e rigenerata, si dimostra estremamente versatile. Pezzatura media e forma tonda leggermente appiattita (da cui il nome), è contraddistinta da occhiature di colore rosa. La pasta è bianca, di consistenza tenace e profumata. È ottima bollita e indicata per frittura, purea, minestre, gnocchi.

 

Produttori aderenti a #parchidagustare

Ristoranti aderenti a #parchidagustare