Stampa questa pagina

Alle ricette dei parchi è dedicata la nuova guida di Piemonte Parchi

La biodiversità torna in tavola con la guida 'Parchi da Gustare – Le Ricette' e il primo appuntamento del 'Pic nic del Parco'.

  • Redazione
  • Settembre 2016
Martedì, 27 Settembre 2016
Alle ricette dei parchi è dedicata la nuova guida di Piemonte Parchi

Qualcosa di più di un semplice libro di Ricette. Oltre 140 pagine di consigli culinari ispirato ai prodotti delle aree naturali protette piemontesi, selezionati da chi lavora nei parchi e conosce le peculiarità eno-gastronomiche del proprio territorio. Molte delle Ricette pubblicate sono proposte dai ristoratori locali che continuano, con questa iniziativa, a essere parte del progetto 'Parchi da Gustare'.
La Guida 'Parchi da gustare – Le Ricette', scaricabile gratuitamente online racconta un variegato patrimonio di sapori ed è strutturata per capitoli, che corrispondono a differenti tipologie di piatti - Antipasti, Primi, Secondi, Contorni e Dolci – sapientemente introdotti con aneddoti e cenni alla tradizione piemontese dal food writer Gigi Padovani.

Per ciascuna Area naturale protetta è individuato un prodotto bandiera: può trattarsi di un prodotto emblematico, oppure di nicchia, raro e prezioso ma, ciascun prodotto bandiera è testimone dell'eccellenza agro-alimentare di un territorio. Tipicità quali il Formaggio di Maccagno del Parco Monte Fenera, una mela come il Pom matan segnalata dal Parco del Po Torinese, il peperone quadrato d'Asti del Parco di Rocchetta Tanaro, la Patata del bur del Gran Bosco di Salbertrand (solo per citarne alcuni) rappresentano aspetti di un giacimento di biodiversità che il Piemonte vuole continuare a tutelare.

Le Ricette sono poi accompagnate dai riferimenti ai produttori locali dove è possibile acquistare gli ingredienti più importanti oppure dai ristoratori dove è possibile gustare raffinatezze già pronte.
Sfogliare il volume significa scoprire il tesoro di biodioversità agro-alimentare custodita dai nostri parchi naturali. «La qualità dei parchi piemontesi non è solo di carattere ambientale e naturalistico ma passa anche attraverso i prodotti che caratterizzano ciascuno di essi. Certificati e tracciabili, sono una testimonianza della ricca biodiversità anche culinaria del sistema delle aree protette piemontesi.» afferma Alberto Valmaggia, assessore ai Parchi della Regione Piemonte.

Dopo la prima guida 'Parchi da Gustare – I Prodotti' (edizione 2015) e l'iniziativa il 'Menu del Parco' (24 maggio 2015, Giornata europea dei parchi), continuano anche le iniziative della Regione Piemonte per promuovere il patrimonio naturale tutelato e i valori della biodiversità dei parchi piemontesi con il 'Pic Nic del Parco' che ha lo scopo di valorizzare il sistema delle Aree naturali protette piemontesi e le attività presenti sul territorio e di far conoscere al grande pubblico la varietà e la ricchezza della biodiversità agro-alimentare che i parchi del Piemonte tutelano.

Coordinato dalla Regione Piemonte - settore Biodiversità e Aree naturali, il Pic nic del Parco prevederà una serie di appuntamenti itineranti sul territorio piemontese, per far conoscere i prodotti dei parchi oltre i confini di ogni singola area protetta. Il primo appuntamento del Pic nic del Parco avrà luogo a Stupinigi, il 9 ottobre 2016, in occasione della Fiera Agro Alimentare omonima, in collaborazione con l'Ente Parchi Reali e l'Associazione Stupinigi è...

Il Presidente dell'Ente Parchi Reali, che comprende sia il Parco di Stupinigi che altre aree protette tra cui La Mandria, Luigi Chiappero, specifica: «Domenica 9 ottobre nel Borgo di Stupinigi, in occasione della Fiera del Parco, sarà possibile conoscere e gustare il frutto del lavoro degli agricoltori locali, tra cui il pane di Stupinigi, prodotto con una farina ricavata da antiche varietà di grano coltivate all'interno del Parco naturale, più digeribile per la modesta quantità di glutine e macinata a pietra. E soprattutto ci sarà il cestino con il Pic Nic del Parco, un mix di delizie proposte dalle aziende del territorio, da assaporare sul posto con lo sfondo della magnifica Palazzina di Caccia oppure nel vicino parco naturale, dove si trovano le Cascine gestite da aziende agricole esemplari nel collaborare con l'Ente per il mantenimento del Parco sia come luogo naturale che fruibile per il pubblico. Si tratta di una delle molte iniziative in atto, di collaborazione tra privati ed enti pubblici, che l'Ente Parco e i Comuni della zona auspicano stimolino il rilancio di Stupinigi e del suo importantissimo patrimonio anche immobiliare.»

Per saperne di più

Leggi una selezione delle ricette dei parchi nella rubrica 'La prova del gusto'
Naviga tra le varie iniziative del progetto 'Parchi da gustare'

Potrebbe interessarti anche...

Grazie a una esemplare collaborazione fra privato e pubblico, un'area fluviale di 90 ettari è to ...
Dallo scorso settembre i dipendenti dei Parchi Reali sono dotati di biciclette elettriche per i l ...
La vittoria dell'Oscar dell'Ecoturismo 2021 è la ciliegina sulla torta per le Aree protette dell ...
Avventura, relax e lavoro: per gli adolescenti un parco può rappresentare tutto questo. Tuttavia ...