Stampa questa pagina

Le Riserve MaB-UNESCO in Piemonte

Sale a 3 il numero delle Riserve della Biosfera in Piemonte. Il recente riconoscimento del Parco del Po e della Collina torinese, si aggiunge alla prestigiosa lista che già da tempo comprende il Parco del Monviso e la Valle del Ticino.

 

  • Enrico Massone
  • marzo 2016
  • Martedì, 22 Marzo 2016
Le Riserve MaB-UNESCO in Piemonte

La notizia non è nuova. Nei giorni scorsi è stata ampiamente diffusa da Internet, giornali e televisioni. E' una notizia cjhe arriva da lontano, da Lima, la capitale del Perù, dove il 19 marzo, il Consiglio Internazionale di Coordinamento del Programma MaB (Man and Biosphere: Uomo e Biosfera) dell'UNESCO, ha deciso d'iscrivere la 'CollinaPo' nella Lista mondiale delle Riserve del Biosfera. I mezzi d'informazione hanno intervistato amministratori e responsabili tecnici della complessa operazione, sottolineando l'eccezionalità della scelta di un territorio, che sebbene si trovi in prossimità di un contesto molto antropizzato (città metropolitana di Torino) ha mantenuto i requisiti di elevata qualità ambientale, ottenendo il prestigioso riconoscimento. Piemonte Parchi Web non ripeterà ciò che è già noto, ma intende approfondire l'argomento, offrendo al lettore una più specifica conoscenza sull'importanza e sul significato del MaB-UNESCO. I dossier con la documentazione per la presentazione della candidatura delle tre aree piemontesi, è consultabile presso i siti Internert degli Enti di gestione dei singoli parchi: Aree protette del Ticino e del Lago Maggiore, Parco del Monviso, Aree protette del Po torinese.

Il MaB è un programma attivato dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura, messo a punto quasi 50 anni fa, con l'obiettivo di migliorare il rapporto tra uomo e ambiente e nel contempo, di mantenere la biodiversità del nostro pianeta. Il programma consiste nel conferire uno speciale valore ad ambienti naturali terresti o marini, che gli Stati s'impegnano a gestire, in un'ottica di conservazione delle risorse e di sviluppo sostenibile, e garantendo il pieno coinvolgimento delle comunità locali interessate. Lo scopo del riconoscimento è promuovere e stimolare una relazione equilibrata fra le comunità umane e gli ecosistemi, facilitare la creazione di siti privilegiati per mantenere le qualità naturalistiche e ambientali dei luoghi, nonché per sperimentare politiche di pianificazione territoriale e di sviluppo compatibabile con gli specifici ambiti ambinetali.

Ogni Riserva della Biosfera consiste nella gestione di ecosistemi capaci di coniugare lo svolgimento di attività umane rispettose del contesto ambientale e naturalistico, con la conservazione delle molteplici forme di vita in esso racchiuse. Non si tratta dunque di 'santuari della natura' che escludono la presenza umana, ma di ampie porzioni di territorio tutelate, verso cui s'indirizza una speciale attenzione per l'utilizzo sostenibile delle risorse naturali a beneficio delle comunità locali. Nelle Riserve della Biosfera Valle del Ticino, Monviso e CollinaPo, s'intrecciano bisogni diversi, orientati a favorire il rispettoso utilizzo delle risorse, attraverso la ricerca scientifica, il monitoraggio degli habitat, l'educazione ambientale e la formazione culturale. Sono studi, progetti e azioni che nascono dal confronto e dalla condivisione tra soggetti ed esigenze differenti, che s'inseriscono in prospettive più generali, come i programmi dell'Agenda 21 e della Convenzione sulla Diversità Biologica.

L'UNESCO ha promosso la creazione di un network internazionale delle Riserve della Biosfera, proprio per promuovere su scala globale lo scambio delle esperienze concretizzate, degli strumenti utilizzati e dei percorsi educativi realizzati. Il programma MAB è dunque una piattaforma metodologica che incentiva il confronto e il dialogo, un esempio innovativo di governance culturale-ambientale-economica, che valorizza le molteplici anime conviventi su un medesimo territorio, in un connubio di cooperazione sostenibile tra natura, agricoltura, impresa, paesaggio, ruralità, salute, sport, arte, enogastronomia, beni culturali tangibili e intangibili.

 

Le Riserve della Biosfera MaB - UNESCO sono 669, localizzate in 120 paesi, di cui 14 in Italia:

· Circeo (Lazio) 1977

· Collemeluccio-Montedimezzo (Molise) 1977

· Miramare (Friuli Venezia Giulia) 1979

· Cilento e Vallo di Diano (Campania) 1997

· Somma-Vesuvio e Miglio d'Oro (Campania) 1997

· Valle del Ticino (Lombardia / Piemonte) 2002

· Arcipelago Toscano (Toscana) 2003

· Selva Pisana (Toscana) 2004

· Monviso (Piemonte) 2013

· Parco Nazionale della Sila (Calabria) 2014

· Parco del delta del Po (Emilia Romagna - Veneto) 2015

· Appennino Tosco-Emiliano (Toscana / Emilia) 2015

· Alpi Ledrensi e Judicaria (Trentino-Alto Adige) 2015

· Po Torinese (Piemonte) 2016

Potrebbe interessarti anche...

Festeggia il compleanno il Parco naturale Orsiera Rocciavrè, e ci racconta un po' di sè.  ...
Ci sono nuove frontiere del turismo per le Aree protette, fra misure anticontagio, sostenibilità ...
L'attenzione alle tipicità locali è spesso il valore che unisce nuove aziende ad aziende storic ...