Stampa questa pagina

Un 'Festival della virtù civica' nel Parco del Po vercellese alessandrino

La premiazione dei vincitori del premio "Luisa Minazzi – Ambientalista dell'anno" avverrà nel contesto di un 'Festival della virtù civica' ospitato dai comuni del parco

  • Mercoledì, 8 Novembre 2017

    Cento storie. Sono quelle raccontate dagli undici anni di premio "Luisa Minazzi – Ambientalista dell'anno", il riconoscimento promosso da Legambiente e La Nuova Ecologia che ha trovato casa dal 2012 a Casale Monferrato (Al). Cento storie d'impegno civico, passione verso l'ambiente, attenzione al prossimo che viste tutte insieme, come un unico affresco, lanciano un messaggio di grande speranza: si può costruire molto attraverso l'azione diretta di ciascuno e migliorare, senza ritorni personali né desiderio di emergere, quello scampolo di mondo che abbiamo intorno.

    Le otto esperienze proposte per l'edizione 2017 – selezionate come sempre dal Comitato organizzatore sulla scorta delle segnalazioni giunte dalla Giuria preliminare – riguardano le esperienze di otto finalisti che rappresentano una risorsa inestimabile per il Paese.

    Tutti e otto i candidati, parteciperanno alla premiazione, venerdì 1 dicembre, a Casale Monferrato. Si può ancora esprimere la propria preferenza per designare insieme l'Ambientalista dell'anno. Ma c'è di più. Quest'anno la premiazione sarà avverrà nel contesto del "Festival della virtù civica", organizzato in diversi Comuni del Parco del Po vercellese alessandrino e promosso dallo stesso ente, fra conferenze e tavole rotonde, eventi musicali, presentazioni di libri, proiezioni e tanti altri momenti di scambio, attivismo e riflessione. Per portare in evidenza l'Italia su cui si può contare anche per capire come darle più forza, più spazio, più credibilità. E accelerare quel cambiamento verso la sostenibilità che un passo dopo l'altro sta già avvenendo.

    Perché un Festival della virtù civica

    Il nome di questo festival si potrebbe efficacemente declinare al plurale. Perché la virtù civica si manifesta in molte forme: nel volontariato che punta a riqualificare lo spazio pubblico, tra le famiglie che praticano con attenzione e costanza la raccolta differenziata, quando si risponde all'emergenza sociale tramite le pratiche solidali del recupero di oggetti, cibo, materia. Sono diverse le forme ma una è la passione che le sostiene: quella verso i legami di comunità che rappresentano, insieme a un ambiente sano, il bene comune più importante a nostra disposizione.

    Con il "Festival della virtù civica" si intende iniziare una ricerca proprio intorno all'Italia che sceglie di donare alla collettività una parte, spesso nemmeno troppo piccola, del proprio tempo e delle proprie competenze per accorciare la filiera del cambiamento e incidere, tramite l'azione diretta, nella realtà. Si parte da un'esperienza importante, quella del premio "Luisa Minazzi – Ambientalista dell'anno" promosso da Legambiente e La Nuova Ecologia che porta da sei anni a Casale Monferrato (Al), i protagonisti di un'Italia coraggiosa, generosa e lungimirante che s'impegna nei territori, all'interno delle imprese e delle istituzioni il più delle volte lontano dai riflettori. Il festival, che comincia il 24 novembre e si conclude il 2 dicembre, vuole ampliarne il messaggio e rappresentare un punto d'incontro, confronto ed elaborazione sulle diverse opportunità di partecipazione, sulle politiche per la sussidiarietà, sulla formazione necessaria in questo campo.

    Potrebbe interessarti anche...

    A Saluzzo si è svolta, lo scorso 12 aprile, l'Assemblea della Riserva della Biosfera transfronta ...

    Quasi duemila gli studenti che hanno partecipato alla IX edizione.

    Accompagnata dallo slogan di buon augurio «una stagione che si fa bella», parte la ricca progra ...
    Gli esemplari sono arrivati nei giorni scorsi dal Museo regionale di Scienze naturali di Torino.& ...