Stampa questa pagina

Una sosta per il piviere tortolino

Giunto al quarto anno di attività il progetto di monitoraggio del volatile

  • Giuseppe Roux Poignant
  • Ottobre 2016
  • Mercoledì, 5 Ottobre 2016
Una sosta per il piviere tortolino

Per il quarto anno consecutivo nelle praterie alpine dell' Assietta nel Parco naturale del Gran bosco di Salbertrand a 2450 mt. di quota si è svolto il progetto "Una sosta per il piviere tortolino" realizzato dall'
Ente di gestione delle aree protette della Alpi Cozie.

L'attività di monitoraggio visivo del sito alla ricerca della presenza di individui di piviere tortolino Charadrius morinellus è iniziata il 17 settembre ed è attualmente ancora in corso, mentre l'attività della stazione di inanellamento scientifico è iniziata il 25 agosto per concludersi il 13 settembre. La stazione ha operato senza interruzioni per circa 20 giornate consecutive con apertura giornaliera alle 5 del mattino e chiusura alle 22 della sera.

Le condizioni meteo del sito sono state caratterizzate da un primo periodo, fino al 3 settembre, con presenza di cielo sereno e deboli venti favorevole al passaggio migratorio delle specie oggetto di indagine, un secondo periodo 4 -7 settembre con forte vento contrario alla migrazione che ha portato alcuni danni alla stazione di inanellamento e una fase finale con ritorno di tempo sereno e migrazione più modesta.

Le osservazioni della presenza del piviere tortolino sul sito, sono iniziate il 16 agosto con anticipo considerevole dei passaggi anche in termini numerici nella prima fase di osservazione (gruppo numeroso di 48 individui con molti adulti il 19 agosto).
In totale sono stati inanellati 331 uccelli, appartenenti a 12 specie, tra cui 33 esemplari di piviere tortolino che portano il totale di individui inanellati appartenenti a questa specie a 83. Il numero degli inanellamenti nel corso dei tre anni di studio è passato a 1006 uccelli appartenenti a 23 specie, 19 passeriformi e 4 non passeriformi. Nel corso di questo ultimo anno si sono aggiunte tre specie di passeriformi, mai inanellate precedentemente su questo sito: pispola Anthus pratensis, forapaglie macchiettato Locustella naevia e zigolo muciatto Emberiza cia.

Ai 33 individui di piviere tortolino inanellati è stato posto sul tarso destro, come previsto dal progetto, un anello colorato con codice alfanumerico per la lettura a distanza. Due individui sono stati ricatturati sul sito rispettivamente 5 e 6 giorni dopo l'inanellamento, mentre altri individui sono stati ricontrollati visivamente sul sito con binocolo, cannocchiale e fotografie. Un individuo giovane marcato con anello colorato ABH è rimasto sul sito di sosta per almeno dieci giorni, si tratta del dato di permanenza più lungo registrato sino ad oggi.

Non ci sono state osservazioni o ricatture di individui inanellati negli anni precedenti. Dei 33 pivieri tortolini inanellati 8 erano adulti (3 maschi e 5 femmine) e 25 erano giovani nati nel corso di questa stagione riproduttiva .

La check list delle specie osservate sul sito di inanellamento è stata di 27, tra cui si segnala la presenza di alcuni individui di grifone.

Leggi qui grafico e tabella del monitoraggio

 

Potrebbe interessarti anche...

Una falena così vistosa che può essere scambiata per un pipistrello. La pavonia maggiore, oltre ...
Lo sapevate che la maggior parte dei ricci investiti nel periodo primaverile ed estivo sono ...
In Piemonte, il rospo smeraldino ha trovato luoghi ospitali tanto che le segnalazioni sono sempre ...
In natura tutto è interconnesso e spesso si creano alleanze insospettabili fra esseri viventi. E ...